Banjole

Banjole è nota per le attività tradizionali come l'olivicoltura, la viticoltura e la pesca. L'insediamento è collegato al resto dell'Istria da strade moderne. Quando si entra a Banjole, si percepisce il clima mediterraneo che ci circonda. La combinazione di natura e bella architettura è visibile in tutto lo spazio.
Festeggiate con noi la Festa della Donna!

Banjole

LA STORIA

La storia di Banjole e dei suoi dintorni risale all'età del bronzo. Sulla collina di Bumbište sono state trovate antiche tombe di abitanti preistorici e un pugnale di bronzo che era l'attributo di un capo militare dell'epoca, il che porta a speculare sull'importanza di questo luogo in quel periodo. Nel periodo romano, la civiltà progredì, l'agricoltura si sviluppò e le persone più importanti dell'epoca immigrarono. Di quel periodo sono i resti delle ville romane ritrovati nella baia di Paltana e delle terme romane, da cui Banjole prese il nome. Il nome latino del luogo era Balneolum minus, che tradotto significa piccoli bagni. I resti di un insediamento romano sono stati ritrovati nella valle Centinela, mentre a Rupice sono stati rinvenuti i resti di antiche cave romane e frammenti di capitello, un sarcofago e una statua incompiuta. Nel Medioevo è stato registrato che l'ex Kontrada Banjole apparteneva all'area della Pomerania.

In seguito, l'imperatore Corrado II la donò ai vescovi di Pola. In seguito, Banjole appartenne alla famiglia Jonatasi e poi alla famiglia Castropola. Nel XV secolo, oltre ad altri problemi come guerre e rapine, la popolazione fu attaccata dalla peste. La maggior parte di loro morì e la zona di Banjol divenne arida e trascurata. Pertanto, il governo, tenendo conto dei "diritti vescovili", confiscò le terre e nel 1585 le donò a nuove famiglie nobili insediate nell'area della Pomerania. Il sovrano istriano Renier distribuì i terreni coltivabili e i pascoli di Banjol alle famiglie di Premantura. Sotto il dominio dell'Italia, così come nel resto dell'Istria, i tempi furono difficili fino alla liberazione di queste regioni, quando Banjole divenne parte dell'ex Jugoslavia e poi della Croazia nel 1991.

RACCOMANDAZIONI

Paltana - resti di terme romane del I secolo

Rupice - ex cave romane

Centinera - resti di un insediamento romano

Isola di Fraškerić - isolotto il cui fondale è ideale per i subacquei grazie alle sue bellissime scogliere e ai suoi passaggi

Volme, baia di Kanalić - resti della chiesa di San Nicola risalente al VII secolo

Pomer - una bella cittadina vicino a Banjol con un moderno centro nautico

Capo Kamenjak - parco naturale, con una bellissima costa lunga 30 km

Cookie policy

To make this website run properly and to improve your experience, we use cookies. For more detailed information, please check our Cookie Policy.

Choice of cookies on this website

Allow or deny the website to use functional and/or advertising cookies described below:

Settings Accept necessary Accept selected